L'Ariston. La storia del teatro che cambiò Lecce

 
L'Ariston. La storia del teatro che cambiò Lecce
Autore: Stefano Martella
Collana: Entropie 92
Categoria: Reportage
Pagine: 160
ISBN: 978-88-497-1193-6
Data di pubblicazione: gennaio 2019
€ 16,00


La storia di un teatro può fare la storia di una città. Così è stato con l’Ariston a Lecce. Inaugurato nel 1949, in una via Trinchese ancora circondata dalla campagna, l’Ariston portò nella cittadina del Salento notevoli ventate di innovazione tecnologica e architettonica. Ma fu soprattutto il rinnovo dei costumi e una prorompente offerta culturale a fare della nascita dell’Ariston un punto di svolta nella storia di Lecce. Dopo pochissimo tempo, infatti, in città iniziarono ad arrivare i grandi nomi del cinema e del teatro, artisti di fama nazionale e internazionale, si tennero i primi veglioni e si moltiplicarono le occasioni di incontro e di festa che finalmente varcavano la soglia delle abitazioni private. Alla storia del teatro si intreccia quella del suo fondatore, José Bruno Acquaviva. Sognatore e lottatore, sfidava il provincialismo a colpi di spettacoli di rivista e la simbiosi tra lui e l’Ariston divenne totale.
Stefano Martella, che ha avuto nel figlio di Bruno Acquaviva, Massimo, il primo e più convinto sostenitore nel ripercorrere 52 anni di cambiamenti dei costumi cittadini, attraverso ricostruzioni, interviste, schede e fotografie ci svela la storia del teatro che, per la prima volta, ha portato Lecce al centro del mondo. Il volume è arricchito inoltre da una scheda sulla storia dei cinema a Lecce, a cura di Andrea Mantovano.

 

Stefano Martella è un giornalista e collabora con varie testate, tra cui “Fanpage”, “Altreconomie”, “Informant” e “Nuovo Quotidiano di Puglia”. Nel 2014, nella sezione “miglior reportage”, vince il Premio Giornalistico Nazionale Maurizio Rampino. L’anno dopo, nella sezione “miglior inedito”, gli viene assegnato il Premio Michele Frascaro per il giornalismo d’inchiesta. Collabora con il collettivo di filmaker Muud Film, specializzato in film documentari. È coautore di Vento di soave, un documentario che analizza il rapporto tra grandi industrie a combustibili fossili e territorio, vincitore del Gran Premio della Giuria all’Hot Docs Canadian International Documentary Festival. Oltre ad Approdo a Porto Cesareo (2016) e Salento in movimento lento (2017), ha pubblicato I segreti della Lupa. Il lato oscuro di Lecce (Besa, 2017), una raccolta di cinque inchieste narrative su alcuni aspetti torbidi della città di Lecce: prostituzione, condizione abitativa dei migranti, nuove povertà, periferie, massoneria e potere occulto.

 

 







Il tuo carrello

VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Chi è online?

 16 visitatori online
  
home search