Il teatro nel sistema timbrico

 
Il teatro nel sistema timbrico
Autore: Giovanni Tamborrino
Collana: Entropie 9
Categoria: saggistica / teatro
Pagine: 240
ISBN 978-88-497-0404-6
€ 14,00


Dopo aver approfondito gli aspetti drammaturgici della vocalità con Sequenza III di Luciano Berio, Giovanni Tamborrino definisce una nuova idea di teatro musicale nel quale le sonorità drammaturgiche della voce naturale vengono messe in relazione con il suono di oggetti d’uso comune intonati timbricamente dall’interprete. Ispirandosi anche all’antica tragedia greca e alle lezioni degli attori e drammaturghi Antonin Artaud e Carmelo Bene, Tamborrino si propone, in sostanza, si superare il canto lirico per approdare a un teatro timbrico che prende il nome di “opera senza canto”, versione contemporanea del mèlo francese dell’Ottocento.

Giovanni Tamborrino è nato nel 1954 a Laterza (Taranto). Compositore e performer, si diploma in percussioni al Conservatorio di Bari e in canto al Conservatorio di Foggia. Successivamente studia percussioni a Colonia con Christoph Caskel e musica da camera a Fiesole con Giuseppe Garbarino. Intraprende la carriera solistica eseguendo musiche proprie, di Stockhausen, Xenakis, Donatoni, Berio, Bussotti e Corghi, con cui collabora in varie occasioni. La frequentazione del teatro di prosa lo porta a maturare una personale idea di teatro musicale, l’«opera senza canto», in cui l’autore procede all’elaborazione di una forma musicale autonoma basata sul sistema timbrico. Docente di percussioni al Conservatorio di Matera, è autore di un trattato di tecnica sulla marimba ed è stato l’ideatore del Festival della Terra delle Gravine.







Il tuo carrello

VirtueMart
Il carrello è vuoto.

Chi è online?

 59 visitatori online
  
home search